Li vediamo ogni giorno, ma non abbiamo la minima idea di che cosa significhino. Eppure conoscere e riconoscere ogni simbolo riciclo facilita la nostra attività di raccolta differenziata, oltre che eviterebbe tantissimi sprechi.

Infatti riconoscere simboli raccolta differenziata, non è una pratica del tutto scontata, anzi.

Spesso quando dobbiamo gettare qualcosa nella spazzatura, non sappiamo con certezza in quale bidone riporlo.

Ed ecco che si ripresentano le classiche scene di crisi date dalla frase che attanaglia moltissimi di noi: “e questo dove lo butto? Plastica, carta o differenziata?”

Riuscire a leggere i simboli del riciclo, non solo ci aiuterebbe a guadagnare tempo nella nostra attività quotidiana di raccolta differenziata, ma ci permetterebbe soprattutto di non sbagliare la divisione dei rifiuti.

E’ chiaro che a meno errori corrisponde una maggiore salvaguardia dell’ambiente.

Simbolo del riciclo: a cosa servono e come riconoscerli

I simboli riciclaggio sono davvero differenti e si trovano in quasi tutti i contenitori che utilizziamo in casa, ognuno con un significato ben distinto.

Riuscire a leggere e ad interpretare il simbolo riciclo sulle confezioni è il metodo migliore per evitare errori ed equivoci di sorta quando facciamo la raccolta differenziata.

Infatti molto spesso avremmo letto dietro alcune confezioni o contenitori che abbiamo in casa, la dicitura “verifica presso il tuo comune come raccoglierlo”. In questo caso dovremmo consultare le aziende che gestiscono  la raccolta dei rifiuti nelle nostre città per sapere dove gettarli.

I simboli riciclo rifiuti sono dei codici univoci che danno delle indicazioni precise indipendentemente dalle aziende locali che se ne occupano.
Di seguito una breve carrellata dei simboli riciclo e dei codici più utilizzati, così ridurre i possibili errori.

La forma grafica del simbolo riciclo.

Conosciuto anche come nastro di Moebius, è il simbolo internazionale del riciclaggio: le tre frecce verdi che si susseguono in forma circolare. Questo simbolo lo troviamo su imballaggi di carta, cartone e cellulosa in diverse varianti di colore, significa che il prodotto è riciclabile, ma anche che la confezione è composta da materiali riciclati.

Oltre a carta e cartone, il nastro di Moebius è il simbolo del riciclo di molti altri prodotti. Lo troviamo infatti su confezioni di plastica, su pannolini, su contenitori in alluminio.

Affronteremo qui sotto i significati dei simboli riciclo principali e delle loro varianti.

Non appena appare il nastro di Moebius, tuttavia, sappiamo che siamo di fronte ad un prodotto o involucro che come minimo potrà avere nuova vita.

Simbolo riciclo carta

A fianco del simbolo con le frecce che si inseguono possono comparire anche dei codici:
PAP 20 – Cartone ondulato, utilizzato soprattutto per gli imballaggi destinati al trasporto
PAP 21 – Cartoncino non ondulato, utilizzato per contenere o avvolgere un prodotto
PAP 22 – Carta generica, quella che siamo abituati ad utilizzare con uso comune.

Altri numeri dal 23 al 39. Sono tutti simboli di riciclaggio carta che indicano il bidone della carta come contenitore per la raccolta differenziata degli oggetti.

Simbolo riciclo plastica

simbolo-riciclo-plastica-ed-indicazioni-per-la-raccolta-differenziata

Il triangolo con le tre frecce che si inseguono, lo troviamo sulle confezioni di plastica. Molto spesso questo simbolo viene accompagnato da una sigla e da numero che va da 1 a 6 che indica il tipo di plastica utilizzata.

Se il numero è 7, vuol dire che il prodotto non è riciclabile e va gettato nel bidone dell’indifferenziata.

Simbolo smaltimento rifiuti liquidi

Indica il materiale di cui sono composti i contenitori per i liquidi: bottiglie, cartoni, barattolo e qualsiasi altro involucro. Grazie alle sigle contenute all’interno possiamo distinguere il diverso tipo di materiale di cui è fatto il contenitore, così da non sbagliare la nostra raccolta differenziata.

simbolo-riciclo-polipropilene
PP=Polipropilene


PET, PE, PP, PS e PVC indicano che i contenitori vanno gettati nella plastica

AL e ACC indicano i contenitori di alluminio e acciaio, quindi andranno gettati nel rispettivo bidone (lo stesso delle lattine/metallo per intenderci) per poter essere riciclati

simbolo-riciclo-alluminio

simbolo-riciclo-materiali-non-separabili

CA e PI indicano l’insieme di materiali non separabili, per questo tali contenitori andranno nella raccolta indifferenziata


VE indica i contenitori di vetro che, chiaramente, andranno riposti nelle campane apposite per la raccolta.

Dopo questa veloce ma attenta differenza tra i simboli differenziata, non abbiamo più scuse per fare un buon riciclo dei rifiuti.