Come produrre energia pulita anche in casa? Ecco tutte le soluzioni

190
casa-fotovoltaico-eolico-come-produrre-energia-pulita

Le emissioni globali di gas serra sono prodotte al 75% dalla combustione di petrolio, carbone e gas naturale. Queste fonti di energia non rinnovabile vengono utilizzate per coprire l’80% del fabbisogno energetico mondiale.

Benché ci troviamo in piena transizione energetica, verso un utilizzo sempre maggiore delle fonti di energia rinnovabile, siamo ancora lontani dagli obiettivi dell’Agenda Onu per il 2030. Il punto 7 parla per l’appunto di energia pulita con accesso a sistemi di produzione energetica moderni, sostenibili, economici e affidabili.

La natura ci mette a disposizione fonti energetiche sostenibili, sta all’uomo trovare come produrre energia pulita attraverso il loro utilizzo.

L’energia pulita viene comunemente identificata come un’energia che non inquina e che è rinnovabile, ovvero la sua fonte è inesauribile. 

In realtà sono tre le componenti principali che caratterizzano l’energia rinnovabile: può essere prodotta da fonti rinnovabili, viene utilizzata attraverso impianti sostenibili che ne minimizzano gli sprechi e ha un impatto quasi a zero sull’ambiente.

Quali sono le fonti principali di energia pulita?

L’energia pulita è un tipo di energia che si trova disponibile in natura. La possiamo ricavare dall’acqua, dal vento, dal calore della terra e dalla luce del Sole.

Sin dai tempi più antichi l’uomo ha sperimentato modi per sfruttare questi doni della natura. I mulini a vento adoperavano l’energia eolica per far girare le pale. O ancora, i mulini ad acqua, costruiti in prossimità di sorgenti, utilizzavano la potenza del passaggio dei fiumi.

Con l’avvento del carbone e del petrolio, l’interesse si è spostato su queste fonti perché più accessibili ed economiche. Non ci è voluto molto, però, per cominciare a subirne gli effetti negativi, in primis l’alto impatto ambientale.

Negli ultimi decenni, quindi, c’è stato un ritorno all’interesse per le energie pulite dettato principalmente dai danni provocati dai combustibili fossili e dal fatto che queste fonti, essendo non rinnovabili, sono in via di esaurimento.

Le altre fonti di energia sono invece inesauribili e si possono racchiudere nelle seguenti tipologie:

Energia idroelettrica

Sfrutta il passaggio di grandi masse d’acqua attraverso bacini naturali o artificiali e un dislivello, che è spesso creato dall’uomo (dighe e i condotti forzati). Un alternatore raccoglie l’energia cinetica prodotta dal passaggio dell’acqua, che poi viene trasformata in energia elettrica tramite una turbina.

centrale-produzione-energia-idroelettrica

Energia eolica

Sviluppo avanzato dell’intuizione dei mulini a vento, le pale eoliche sfruttano l’energia cinetica prodotta dal vento. Di recente introduzione sono anche impianti eolici offshore, che sfruttano i venti che soffiano sugli oceani attraverso piattaforme installate sull’acqua.

Energia geotermica

Il calore prodotto dalla Terra viene utilizzato per il riscaldamento e anche per produrre energia elettrica. Le temperature della crosta terrestre crescono con l’andare più in profondità, pertanto si utilizzano delle specifiche pompe per l’estrazione del calore.

Energia solare

Il Sole è la principale fonte di energia sostenibile. Il calore che arriva sulla Terra viene immagazzinato tramite i pannelli fotovoltaici e convertito in energia elettrica o viene utilizzato per riscaldare.

Energia da biomasse

Attraverso la combustione di sostanze di origine animale o vegetale (es. scarti agricoli, letame, erba ecc. ecc.), viene prodotto e immagazzinato calore. Il processo di installazione e di azione di un impianto a biomasse è piuttosto costoso. D’altra parte, se ben fatto, i vantaggi sono innumerevoli e la combustione è completamente carbon neutral.

Come produrre energia pulita anche in casa

Le maggiori produzioni di energie rinnovabili avvengono tramite grandi impianti, che siano essi idroelettrici, eolici, termici o geotermici. Tuttavia, la tecnologia permette di andare oltre. Anche all’interno delle mura domestiche è possibile attrezzarsi per produrre energia pulita.

Uno tra i sistemi di produzione di energia rinnovabile più utilizzato nelle abitazioni domestiche e negli uffici è l’impianto fotovoltaico.

energia-rinnovabile-italia-da-pannelli-fotovoltaici-sopra-tetto-edificio

Questa installazione viene fatta solitamente sui tetti delle abitazioni. Un insieme di pannelli solari, spesso costituiti di silicio, raccolgono la luce del sole attraverso le celle fotovoltaiche. L’energia immagazzinata viene quindi utilizzata per la luce elettrica e per il riscaldamento della casa. 

I pannelli solari sono tra i sistemi di produzione di energia pulita più diffusi in Italia. La loro installazione, i costi e la manutenzione li rendono una scelta pienamente sostenibile.

Diverso è il discorso per l’impianto eolico. Sfruttare l’energia del vento è possibile, tuttavia l’installazione delle pale richiede spazi ampi. Anche il loro peso eccessivo ne rende difficile il montaggio. 

D’altra parte, stanno prendendo piede sul mercato sistemi mini eolici di piccola taglia. Questi impianti, con taglie dalla S alla XL, in relazione alla potenza elettrica che possono produrre, vengono facilmente installati sia sui terrazzi che sui balconi.

Invece, una soluzione possibile per case di montagna vicino a zone ricche d’acqua è quella dell’impianto idroelettrico domestico. Sfruttando lo scorrere naturale della sorgente vicino casa, si può installare una turbina che ne trasformi il moto in energia elettrica per l’autoconsumo.

Infine, se si ha in progetto di costruire una casa partendo dalle fondamenta, l’impianto geotermico potrebbe essere la soluzione adatta per rendere l’abitazione energicamente autonoma.

Il calore del suolo terrestre viene immagazzinato attraverso l’installazione di pompe di calore e di sonde termiche direttamente a terra. Se si sceglie questo tipo di energia circolare, anche la costruzione della casa dovrà seguire regole ben precise. Ad esempio, è opportuno che sia coibentata e che venga evitata la più minima dispersione di calore scegliendo infissi adeguati.

Perché investire in energia pulita

Produrre energia pulita anche in casa costituisce un ottimo incentivo verso una transizione energetica necessaria. Inoltre, se sfruttate e prodotte nella maniera giusta, portano con sé numerosi vantaggi.

Ricorrere all’energia green offre innanzitutto un grosso vantaggio ambientale. Semplicemente modificando il proprio impianto energetico si contribuisce infatti alla riduzione delle emissioni di CO2, causa dei rovinosi cambiamenti climatici sul nostro pianeta.

In merito all’investimento da affrontare per alimentare la propria casa con energia pulita, già nel medio periodo si ha un ritorno in termine di vantaggio economico. Gli impianti sono un po’ più costosi, ma il risparmio in bolletta è indiscutibile.

Inoltre, per quanto riguarda l’Italia, il Dlgs 28/2011 ha stabilito degli obblighi di integrazione di sistemi di energia da fonti rinnovabili quando gli “edifici sono sottoposti a ristrutturazioni rilevanti”. La percentuale dei consumi di acqua calda deve essere adesso coperta al 50% da energia pulita.

Questa spinta alla svolta sostenibile nel consumo di energia, a partire anche dalle abitazioni, è supportata dalla possibilità di godere di detrazioni e rimborsi previsti dal cosiddetto ecobonus.

Per esempio coloro che vogliono installare dei pannelli solari per la produzione di acqua calda possono usufruire dell’ecobonus fino al 65%.

Investire su una casa che sia alimentata da energie rinnovabili è sicuramente un modo per contribuire alla sostenibilità dell’intero sistema ambientale e, in fin dei conti, si rivela anche un metodo utile per poter risparmiare sulle bollette.