L’importanza dell’utilizzo di fonti di energia rinnovabile si sta diffondendo in maniera capillare tra la popolazione globale.

Sono sempre di più i cittadini e le aziende che adottano soluzioni di energia rinnovabile in Italia per soddisfare il proprio fabbisogno energetico.

Ciò è dovuto anche al fatto che ultimamente si sono moltiplicati gli studi sui cambiamenti climatici e i loro effetti nefasti sul pianeta. La comunità scientifica evidenzia come i disastri ambientali in corso siano da attribuire all’uso di fonti energetiche fossili, che soddisfano più dell’86% del fabbisogno energetico mondiale. 

La conseguenza maggiore dell’utilizzo di fonti di energia non rinnovabile consiste nel grave problema del surriscaldamento globale. L’innalzamento della temperatura terrestre, lo scioglimento dei ghiacciai e, di conseguenza, la crescita del livello del mare sono tutti problemi connessi all’attività dell’uomo sul pianeta.

A partire dal XIX secolo, l’uso di combustibili fossili ha incrementato enormemente la quantità di gas serra presente nell’atmosfera fino ad arrivare, negli ultimi quarant’anni, a un aumento dell’80% del livello totale di emissioni.

Per lavorare al contenimento delle emissioni di Co2, l’obiettivo mondiale si sta spostando verso la necessità urgente di incentivare l’utilizzo di energie rinnovabili e di operare una vera e propria rivoluzione energetica, ormai non più rinviabile.

Questo tipo di fonti, a differenza di quelle fossili, non sono esauribili, in quanto capaci di riprodursi a fine ciclo nel rispetto del principio dell’energia sostenibile. Stiamo parlando di energia prodotta da elementi naturali come il sole, il vento, l’acqua e la biomassa, solo per citare i più diffusi.

I vantaggi dell’utilizzo di fonti di energia rinnovabile sono innumerevoli. Ci permettono, infatti, di produrre energia pulita e ad emissioni zero, riducendo il problema dell’inquinamento ambientale.

Inoltre, ci consentono di avere energia infinita, senza doverci porre il problema delle risorse limitate e sfruttate, ormai, fin quasi all’esaurimento. In questo modo possiamo dire addio alla dipendenza da altri stati per l’utilizzo di risorse non presenti all’interno dei nostri confini.

I vantaggi dell’utilizzo delle energie rinnovabili per le aziende in Italia

Per un numero sempre maggiore di privati, ma soprattutto di aziende, l’energia rinnovabile in Italia sta diventando una priorità.

Non solo dal punto di vista etico, per contribuire a contrastare le emissioni prodotte finora dalle fonti di energia non rinnovabile. Ma anche, e in alcuni casi soprattutto, dal punto di vista pratico ed economico.

Molte attività produttive vedono incidere pesantemente, nel bilancio di fine anno, la voce riguardante i consumi energetici. La possibilità, quindi, di rendersi indipendenti  e provvedere al sostentamento del proprio fabbisogno energetico è uno dei maggiori vantaggi derivanti dall’utilizzo di impianti di energia pulita come ad esempio quello fotovoltaico.

L’energia solare, ad esempio, è una fonte particolarmente indicata per chi può sfruttare grandi spazi inutilizzati. I tetti dei grandi capannoni ad esempio, oppure coperture di vario genere ma anche campi non destinati a coltura.

Condizione necessarie per la sua installazione è disporre di una buona posizione rivolta al sole. Completano l’appetibilità del fotovoltaico per le imprese anche il fattore economico. Da un lato, la manutenzione da dedicarvi è bassa, quindi i costi di gestione sono proporzionalmente più bassi. Dall’altro, i costi degli impianti hanno subito un forte calo, divenendo più accessibili a tutti.

Inoltre, i costi relativi all’investimento per un impianto di energie rinnovabili, possono essere ammortizzati in breve tempo grazie a incentivi e agevolazioni fiscali previste dallo Stato.

Un esempio è costituito dal decreto FER. Questo ha come obiettivo aumentare la produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili per avvicinarsi agli obiettivi previsti dal Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima. Il piano, stilato nel 2019 dall’Italia e approvato dalla Corte europea, prevede misure finalizzate alla decarbonizzazione e mirate politiche energetiche e ambientali.

Tra le misure adottate dal decreto FER-1 troviamo agevolazioni e incentivi per l’installazione di impianti di vario tipo, tra cui fotovoltaico, eolico off-shore e idraulico ad acqua fluente.

Esempi virtuosi di aziende italiane che hanno fatto delle energie rinnovabili la loro missione

Quanti hanno la possibilità di installare impianti per l’utilizzo di energia rinnovabile, possono godere di numerosi vantaggi. Tra questi, includiamo anche la possibilità di usufruire di recuperi fiscali e agevolazioni. 

Vi sono però molti privati e imprese che si trovano nell’impossibilità di produrre direttamente l’energia di cui necessitano ma che pongono attenzione alle dinamiche ambientali. È sempre in maggiore crescita, infatti, una spiccata sensibilità verso la sostenibilità e le problematiche legate allo sfruttamento delle risorse a disposizione.

In questo caso, è possibile rivolgersi a fornitori che garantiscano energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili.

Aziende energia rinnovabile Italia: Enel e il progetto Green Power

Tra le principali aziende che producono energia pulita, al primo posto troviamo Enel. Essa ha il primato di produrre la totalità dell’energia geotermica in Italia e più del 38% della produzione nazionali di energia idroelettrica.

Nonostante rimanga ancora il primo utilizzatore di carbone con più del 70% delle quote di mercato, Enel si conferma leader nella produzione di energia da fonti rinnovabili. Questo importante riconoscimento è determinato anche dall’istituzione, già nel 2008, del gruppo Enel Green Power, società dedicata esclusivamente all’ energia circolare.

Un successo che vede le basi in una rete di centrali idroelettriche presenti in tutta Italia. Ciò ha portato la società, attraverso numerosi altri primati, a essere al primo posto per numero di impianti green al mondo, che sono oltre 1200.

Gruppo Hera: energia sostenibile dentro e fuori casa

hera-tra-le-aziende-di-energia-rinnovabile-in-italia

Un’azienda rilevante che sfrutta le energie rinnovabili in Italia a 360° è il gruppo Hera, colosso romagnolo e di recente anche veneto che si erge a virtuoso esempio di sostenibilità.

Hera, infatti, non solo produce energia pulita per rifornire aziende e le case degli italiani, ma si è anche impegnata ufficialmente a partire dal 2017, ad alimentare le sue attività solo con energia proveniente da fonti rinnovabili.

Per la gestione di tutte le sue attività presenti nel territorio emiliano-romagnolo e nordestino, quindi, l’energia elettrica usata per per mantenerle attive sarà solo ed esclusivamente sostenibile.

L’obiettivo, spiegato dall’amministratore delegato Venier, è quello di contribuire in prima persona a ridurre le emissioni di Co2 e migliorare la qualità dei servizi idrici e di gestione.

Il gruppo Hera, infatti, ha stimato l’utilizzo di 325 GWh di energia per la gestione dei servizi ambientali. Sfruttando solo energia rinnovabile, quindi, si otterrebbe un risparmio di oltre 140 mila tonnellate di Co2 all’anno.

Aziende energia rinnovabile Italia: il primato di Erg sull’energia eolica

Per quanto riguarda il settore dell’energia eolica, è particolarmente rilevante la posizione della società Erg che detiene il 12,1% della produzione nazionale. Erg si piazza quindi al primo posto come produttore di energia eolica in Italia e tra i primi dieci in Europa per quanto riguarda l’eolico on-shore (su terraferma).

Erg opera seguendo tutta la filiera di produzione di energia, dall’individuazione del luogo adatto all’installazione e manutenzione dell’impianto fino alle previsione delle condizioni meteorologiche.

Energia idroelettrica in Italia con A2A

Un altro big nella produzione di energie rinnovabili è la società A2A, che segue Enel al secondo posto per l’energia idroelettrica, con il 9,2% della produzione totale nazionale.

A2A produce energia sfruttando la potenza naturale dell’acqua, utilizzando centrali che funzionano attraverso due principi: ad acqua fluente e ad accumulo.

Nel primo caso, l’energia è ottenuta grazie alla portata di un corso d’acqua. Nel secondo caso, invece, è richiesta la costruzione di una diga a monte della centrale.

Gli impianti sono dislocati per la maggior parte in aree importanti come il Parco dello Stelvio e comunque interamente in Italia.

L’ Earth Overshoot day, il giorno in cui si terminano tutte le risorse che il pianeta può produrre nell’intero anno, è sempre più in anticipo rispetto all’anno precedente.

L’utilizzo, quindi, di energie rinnovabili da parte di aziende e cittadini è estremamente importante per uno sviluppo sostenibile. In questo senso, l’adozione di energia circolare per alimentare il paese serve ad impedire l’esaurimento delle risorse disponibili attuali e permettere alle generazioni future l’utilizzo delle stesse.

Leggi anche: Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima: PAES e Patto dei Sindaci